La Piazza Grande · Redazione · 28 Maggio 2024

UN BIODIGESTORE INDIGESTO

Affollata riunione a Fossano contro l’impianto. Si deve fermare l’iter, ma non sarà semplice

Una affollata riunione di residenti nelle ex scuole frazionali di Santa Lucia ha fatto il punto sulla questione “biodigestore” l’impianto che è spuntato fuori in campagna elettorale e che nessuna compagine fossanese sembra volere, ma il cui iter pare già abbastanza avanti. Erano un centinaio circa i presenti martedì 21 maggio. Ad introdurre il dibat- tito l’ex frazionista, ed ex vice-sindaco di Fossano, Vincenzo Paglialonga. Presenti anche cinque ca- picantone, Daniela Truc- co per Tagliata, Caterina Lanzavecchia per Santa Lucia, Filippo Forneris per Boschetti, Roberto Sordo per San Lorenzo e Filippo Panero per Cussanio, e re- sidenti di Borgo Nuovo, Salice e San Bernardo.
Va detto che si sta studiando la possibilità di costituire un comitato apposito. A illustrare il progetto e le azioni possibili onde evi- tare la costruzione dell’impianto, un tecnico attivo nel settore delle energie rinnovabili, Umberto Bel- lotti il quale ha racconta- to in modo semplice come funziona un digestore per la produzione di biometano, quali sono i suoi potenziali impatti ambienta- li e la sua sostenibilità dal punto di vista economico- finanziario.

ARTICOLO COMPLETO SU “LA PIAZZA GRANDE”