La Bisalta · direttore Rosaria Ravasio · 14 Ottobre 2021

Obbligo del vaccino? Un atto di civiltà e vera democrazia

Il Punto Rosaria Ravasio

L’estremismo non fa parte della democrazia e i fanatismi devono essere condannati, indipendentemente che siano politici, religiosi, sociali o culturali. Non è con la violenza o con la ‘rottura’ che si costruisce un mondo migliore, se mai un mondo diverso, ma non migliore, perchè comunque partirebbe macchiato fin dal suo inizio da un’imperfezione di base. Certo è che i disordini dei giorni scorsi sono sintomo di un disagio diffuso creatosi, non tanto per reali ragioni sanitarie, ma per la cattiva gestione politica dell’emergenza da parte del passato governo, di cui quello attuale ne prende la coda. Una cattiva gestione dettata dall’incompetenza a far fronte ad un’emergenza imprevedibile, più che da malafede, che ha creato un disorientamento generalizzato. Come poteva e può essere evitato? Semplicemente imponendo l’obbligo del vaccino. Basta no vax, no green pass, no Tav, anarchici, centri sociali, ordine nuovo ed ultrà. Tanto lo sappiamo tutti il loro obiettivo è univoco: destabilizzare e creare disordini.

ARTICOLO COMPLETO SU “LA BISALTA”