La Piazza Grande · Redazione · 03 Marzo 2024

IL RISPARMIO NON È DEBITO!

Si sta realizzando la previsione del banchiere saggista Beppe Ghisolfi sugli incentivi da accordare alle nostre famiglie con maggiori capacità di risparmio

Nel corso del 2023 la quota di Bot e Btp acquisita e detenuta dai risparmiatori e dal settore privato, variamente articolato, è salita al 13,5 per cento delle emissioni totali di debito sovrano, raddoppiando l’incidenza. Perché, a questo punto, non convincere una volta per tutte la UE a escludere tali stock, una forma di ri- sparmio a ogni effetto, dal conteggio dei parametri sul rapporto tra passivo statale e Pil?
Si sta realizzando quella che il professor Beppe Ghi- solfi, Banchiere internazio- nale e scrittore di succes- so nella narrativa econo- mica familiare, aveva au- spicato come «operazione fiducia»: ossia, incentiva- re, senza alcun ricorso per legge a sottoscrizioni for- zose, le famiglie e gli inve- stitori istituzionali nazio- nali ad accrescere nei pro- pri rispettivi portafogli la quota di titoli di Stato sot- toscritti alla prima emis- sione ovvero acquistati sul cosiddetto mercato secon- dario.