La Piazza Grande · Redazione · 25 Maggio 2022

Ghisolfi «senatore mauriziano» subito dopo il ruggito veneziano

Nell’accademia Internazionale Mauriziana anche Luca Baravalle

Beppe Ghisolfi non riesce a trascorrere una settimana tranquillo. Adesso è anche senatore, ma non di quelli ormai invisi al grande pubblico e che siedono in Parlamento: la «volpe di Cervere» non si farebbe mai incastrare in una campagna elettorale incerta per poi confondersi nel truppone dei parlamentari, la sua nuova carica è quella di senatore accademico della prestigiosa accademia Internazionale Mauriziana. Insieme a lui è diventato illustre senatore accademico un altro cuneese, l’imprenditore Luca Baravalle per meriti connessi all’attività che quotidianamen- te valorizza, nello svolgimento dell’oggetto economico del la- voro, la vocazione a creare con- divisioni di opportunità di cre- scita verso una più ampia pla- tea di beneficiari non altrimen- ti raggiungibili dai normali meccanismi di mercato. Infatti i «senatori mauriziani» vengono proclamati in quanto personaggi altamente rappre- sentativi di quei settori econo- mici, industriali e finanziari che in maniera naturale collegano il loro agire a obiettivi di carat- tere sociale coerenti con il mes- saggio missionario della dottri-na sociale della Chiesa.

ARTICOLO COMPLETO SU “LA PIAZZA GRANDE”